Terre absorbenti - Ag Technical Srl e IGM Srl con sede a Montanaso Lombardo (Lodi) - Trattamenti di argentatura, doratura, nichelatura chimica ed elettrolitica, ramatura, stagnatuira elettrolitica lucida e opaca, zincatura elettrolitica, palladiatura, rodiatura, nichel free - Impianti di trattamento acque

Vai ai contenuti

Menu principale:

Terre absorbenti

Lavorazioni > Trattamento Acque > Prodotti chimici
ADSORBIMENTO

Si indica con questo nome l’adesione di una sostanza, gassosa o in soluzione, alla superficie di un’altra sostanza, generalmente allo stato solido. L’adsorbimento ha luogo su superfici di materiale poroso, ossia di materiali che hanno un’estensione molto sviluppata della loro massa.
Esempi di sostanze porose sono le farine fossili finemente macinate, carbone, torbe, argilla trattata con acido cloridrico.
Le più utilizzate sono:
carboni minerali, o carboni vegetali ottenuti dalla carbonizzazione dei gusci delle noci di cocco o del legno di conifere perché  possono adsorbire notevoli quantità di gas  ed il loro potere adsorbente può essere fortemente aumentato mediante un processo di attivazione, consistente in un riscaldamento a temperature comprese tra 350 e 1000 °C sottovuoto o in atmosfera di gas inerte oppure, meglio ancora, in atmosfera di vapor d’acqua, di cloro, di acido cloridrico o di anidride carbonica.
Questo trattamento elimina dal carbone idrocarburi ed altre impurezze e contemporaneamente ne può aumentare la superficie, per azione chimica degli agenti utilizzati come attivatori.
L’adsorbimento diminuisce all’aumentare della temperatura ed aumenta all’aumentare della pressione.
Varie considerazioni teoriche fanno ritenere che le forze di Van Der Waals abbiano una parte importante nel meccanismo dell’adsorbimento; tuttavia c’è chi individua anche un adsorbimento chimico, che non è aspecifico come quello di Van Der Waals, ma si verifica solo se qualsiasi tipo di interazione chimica è possibile, sempre che la Temperatura sia sufficientemente alta affinché le molecole acquistino l’energia di attivazione necessaria.
Il carbone attivo, tuttavia, possiede anche la proprietà di rimuovere certe sostanze (ad es. coloranti organici) dalle soluzioni, ma dipende molto dalla disponibilità di superficie adsorbente.
Le sostanze vengono tanto più fortemente adsorbite, a parità di ogni altra condizione, quanto più elevato è il loro peso molecolare.
L’adsorbimento può essere positivo, quando le sostanze abbassano la loro tensione superficiale (detergenti sintetici e molti composti organici contenuti nei liquami cocleali), o negativo, quando invece le sostanze innalzano la tensione superficiale (gli ioni).

 
Torna ai contenuti | Torna al menu